Chirurgia estetica

Anche io sarò ridotta così?

Carissimi,
ebbene sì. Sono stata da sempre contraria alla chirurgia estetica. Che orrore le rifatte. E il silicone per me serviva solo per le finestre. Invece ora andrò sotto ai ferri anche io. Lo confesso: mi operano alle tonsille.
I medici mi hanno sempre detto che sono brutte e così, per motivi puramente estetici, ho deciso di toglierle. Cosa non si fa per rimediare uno straccio di Brad Pitt!

Non sono mai stata in ospedale prima d’ora. Ho sentito di scenari da film dell’orrore: una ricoverata che vedeva gli scarafaggi camminare sulla faccia della propria compagna di stanza. Infermiere che di notte ti puntano la pila in faccia, stile lager nazista. Celiaci tenuti ad acqua (neanche a pane per ovvi motivi). Per non parlare delle terrificanti storie di corna riguardanti il personale ospedaliero.

Ho saputo che nel reparto lavora la sorellina di una mia amica: giovanissima specializzanda. È molto più piccola di noi. Me la ricordo quando la portavano in passeggino e poi quando andava alle elementari.
E se mi operasse lei per imparare? Magari si dimentica la Barbie nella mia gola.

Oggi andrò a ricoverarmi con tutti questi pensieri.

Miei cari lettori, se non mi svegliassi dall’anestesia o se morissi dissanguata, sappiate che vi ho sempre voluto un gran bene.
Siate affamati, siate folli.
La vostra,
Maria Paola