Alla scoperta dei Paesi Baschi:
San Sebastián

San Sebastián, costa atlantica, 15 gennaio 2011.

Carissimi,
a gennaio mio fratello è venuto a trovarmi nei Paesi Baschi.
In quell’occasione abbiamo battuto due record personali:
1) mai fatto il primo bagno dell’anno così in anticipo: il 15 gennaio!
2) primo bagno in assoluto nell’Oceano Atlantico.
Avevo già fatto il bagno nel Pacifico in Nuova Zelanda alcuni anni fa. A questo punto direi che mi mancano solo l’Oceano Indiano e il Mar Glaciale Artico, e ho completato la collezione. ;-)
Stavo per mettere qua sul blog una mia foto in bikini, circondata da gente in pelliccia che batte i denti, poi ho pensato: meglio di no. Fidatevi, il bagno l’ho fatto.
A dir la verità quel giorno a San Sebastián c’erano 25 gradi al sole e 18 all’ombra (lo so perché una farmacia aveva due insegne: una al sole e una all’ombra). L’acqua però era freddina…
C’erano alcune altre persone che facevano il bagno: un paio di baldi giovanotti, ma soprattutto persone anziane. Mi hanno detto che questi temerari vecchietti fanno il bagno a San Sebastián tutti i santi giorni, anche se nevica o fa burrasca. Dio li benedica.

Dopo le Feste in Italia e con la permanenza nei Paesi Baschi, dove da celiaci si sta benone, devo aver messo su qualche chiletto. Ne ho avuto conferma proprio quel giorno in spiaggia.
Nonostante che fossi una delle pochissime donne in costume da bagno, nonché l’unica con meno di 70 anni, non sono stata abbordata da nessuno!
Addirittura ad un certo punto mi sono passati a fianco dei baldi giovanotti. Non solo non mi hanno neanche notata, ma sono andati ad abbordare delle signore anziane che prendevano il sole poco più in là.
Esperienza a dir poco sconcertante. 8-|
(No, beh dái, questa è inventata… ;-))

La responsabile del gruppo giovani celiaci dei Paesi Baschi, che vive a San Sebastián, mi aveva consigliato alcuni locali. A pranzo siamo stati a quello del Tennis, che si trova sul lato occidentale della baia della Concha. Il proprietario è un simpatico signore che ha la figlia celiaca. Mi sono trovata molto bene, era molto affollato. Non economicissimo, a dire la verità. La sera invece siamo stati in centro al Bide Bide. Non male, un locale tipico con i pinchos, ovvero le tapas dei Paesi Baschi. Ho preso tortilla de patatas e insalata. All’inizio sono state necessarie alcune spiegazioni con la carta “para los cocineros”. Ma hanno preso tutto molto sul serio e sono stati molto attenti.
Ecco l’elenco completo dei locali di San Sebastián consigliati dalla responsabile:
- Zona Ondarreta-Antiguo: Tenis, Kaskazuri, Ezeiza, Mario’s
- Zona Parte Vieja: Sku2, Morgan’s, Juantxo (es de bocatas, pero te lo dan en un plato con cubiertos de plástico para poder llevartelo [n.d.t.: è da asporto, però te lo danno in un piatto con posate di plastica per poterlo portare via]) La Fábrica, Politena, Bide-Luze, Bide-bide
- Zona Centro: Casa Valles, Caravanserai
- Zona Gros: Andramari, Campero
Inoltre Telepizza nella Avenida Tolosa nº 13. Io, avendo provato la Telepizza a Vitoria-Gasteiz, ve la straSconsiglio caldamente (non andateci).

Fantastico il lungomare di San Sebastián. Non per niente là, nel punto migliore, si erano fatti la villa i reali di Spagna (mica scemi). Vi consiglio di salire sul monte Igueldo a godervi la vista sulla città (da li ho fatto la foto del faro).
La sera poi una movida pazzesca con fauna umana interessante che comprende anche varie specie di Brad Pitt.
Ciao
Maria Paola

(fine prima parte, seguirà Bilbao)