Amami Alfredo

Richard ed io alla Traviata.

Carissimi,
spero voi tutti bene. Anche io sto bene, il mio computer invece temo sia grave…

L’altro giorno ho menzionato sul forum Alfredo, personaggio della Traviata di Verdi. Forse non tutti conoscete la trama dell’opera. E magari a chi la conosce fará piacere rinfrescarla.

La storia è molto semplice. Eccola qua:

La protagonista è Violetta, che di mestiere fa la escort (professione attualissima! In pratica trattasi di una D’Addario ante litteram).

Violetta è innamorata di Alfredo, un macho strafottente che la tratta a pesci in faccia. Violetta, che come la maggioranza delle eroine d’opera è una fessa, continua lo stesso ad amare Alfredo.

Siccome ha tutte le fortune, Violetta si ammala di tubercolosi. La patologia si aggrava, molto probabilmente a causa di una celiachia non diagnosticata. Alfredo sospetta da sempre che Violetta sia celiaca, ma se ne frega di farle fare la biopsia. Anzi la rimpinza ben bene di glutine per liberarsi di lei.
Per peggiorare la situazione, Violetta, invece di coprirsi bene che è malata, va in giro con scollature abissali. Lo fa per il solito Alfredo, che assolutamente non lo merita.

Così alla fine Violetta muore tra le braccia di Alfredo.
E morendo, invece di tossire a più non posso come qualsiasi tisico che si rispetti, canta meravigliosamente.
Questo a riprova delle grandi prestazioni di cui siamo capaci noi celiaci.
(Sipario – Applausi)

Ciao
Maria Paoletta